Abramo ed Isacco si avviano al sacrificio

olio su tela, cm. 174 x 232,5

Artista tra i più celebrati nella Firenze della prima metà del Seicento, Matteo Rosselli si rivela molto sensibile ai risvolti narrativi della rappresentazione, e svolge questo soggetto in modo singolare. Anzichè il consueto momento drammatico del sacrificio, con l'angelo che interviene a bloccare il gesto di Abramo, mette in scena l'episodio precedente della conversazione tra Abramo ed il figlio che si avviano al sacrificio dopo aver lasciato a valle i servitori. Isacco porta a spalle la fascina di legna, Abramo regge il braciere ed esibisce il pugnale infilato nella sciarpa attorno alla vita. Si tratta certamente di un quadro destinato a una collezione privata, come mostra l'accentuazione degli aspetti profani e teatrali, ad esempio l'abbondanza dei panneggi riccamente decorati. E' riferibile alla piena maturità dell'artista, verso la fine del quarto decennio del Seicento.

Questo sito utilizza cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dei visitatori. Clicca ok per continuare a fruire dei contenuti ai sensi del dlgs 69/2012 e 70/2012. Per saperne di più leggi la pagina dedicata alla Normativa sulla Privacy.