Beccadelli Antonio

Bologna, 1718-1803

Si formò a Bologna e si rivelò uno dei più intelligenti interpreti della pittura di Giuseppe Maria Crespi nella seconda metà del Settecento, dedicandosi soprattutto alla pittura di genere e ai soggetti di vita quotidiana, sulle tracce dei modelli del celebre pittore (Cappuccini in viaggio con animali, Scene di elemosina, Ritratti di mendicanti, Teste di carattere). Accordò inoltre i suoi suggerimenti con gli esiti che il suo insegnamento aveva prodotto nel Veneto in artisti attenti alla tematica di genere e alla rappresentazione di episodi di vita quotidiana nella società del tempo, quali Giovanni Battista Piazzetta e soprattutto Pietro Longhi. Con il passare degli anni andò riducendo la sua attività di pittore dedicandosi sempre più al commercio di opere d'arte e all'attività di restauratore, senza tuttavia disattendere gli impegni assunti negli organismi dell'Accademia Clementina di Bologna. Dipinti di Antonio Beccadelli si trovano soprattutto nelle collezioni private; ma hanno fatto apparizione anche nelle pubbliche pinacoteche, ad esempio nelle raccolte civiche di palazzo Tozzoni, a Imola, dove sono conservati sette tele provenienti dalla settecentesca collezioni Pighini, ma anche nella Pinacoteca dell'Accademia Carrara di Bergamo e nella Pinacoteca Nazionale di Bologna (per deposito del Collegio dei Fiamminghi). È operazione peculiare del pittore quella di coniugare il naturalismo di Crespi con gli spunti inventivi offerti dalla tradizione fiamminga e olandese; un incontro sollecitato dal mutamento di gusto della clientela settentrionale, tempestivamente avvertito dall'artista. L'abbinamento più pertinente sollecitato da questo dipinto è con l'analoga scena di pittoresco convito nel dipinto del Collegio dei Fiamminghi, con lo scherzo all'ubriaco addormentato sullo sfondo crespiano di un muro macchiato, segnato diagonalmente dall'ombra.

Questo sito utilizza cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dei visitatori. Clicca ok per continuare a fruire dei contenuti ai sensi del dlgs 69/2012 e 70/2012. Per saperne di più leggi la pagina dedicata alla Normativa sulla Privacy.