• CONCLUSA LA RICERCA SUI MECCANISMI RIGENERATIVI DEL DERMA FINANZIATA DALLA FONDAZIONE CR CESENA

    La ricercatrice Martina Ghetti grazie alla borsa di studio finanziata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena ha potuto approfondire e portare a termine il proprio progetto di ricerca presso la Banca Regionale della Cute dell'Ausl Romagna (direttore Dott. Davide Melandri), distretto di Cesena.

    Gli obiettivi del progetto di dottorato, guidato dalla Dott.ssa Elena Bondioli responsabile dell'attività di ingegneria tissutale e dalla Prof.ssa Giovanna Cenacchi (Università di Bologna), sono stati da un lato creare Matrici Extracellulari prodotte da diverse popolazioni di fibroblasti cutanei e studiare il loro ruolo come "scaffold" nel promuovere la crescita e la differenziazione tridimensionale di cheratinociti; dall'altro studiare i meccanismi rigenerativi del derma omologo decellularizzato post-impianto, utilizzato in pazienti affetti da difetti di parete addominale. In particolare la Dott.ssa Ghetti nell'ultimo anno ha focalizzato molto l'attenzione e l'impegno sul secondo obiettivo.

    Il presidente della Fondazione Bruno Piraccini, nel congratularsi con la ricercatrice per i brillanti esiti della ricerca, ha ricordato che "La ricerca finanziata dalla Fondazione esplora un ambito scientifico (quello della ricostruzione del mantello cutaneo e connettivo ndr) di fondamentale importanza nella cura del paziente, se si considera che, in questi casi, l'ostacolo terapeutico principale è rappresentato dall'estensione delle lesioni in quanto, a causa della limitata disponibilità di cute sana adatta al prelievo, il tessuto utilizzabile per la ricostruzione risulta insufficiente".

  • LA RICOSTRUZIONE IN EMILIA FRA PARTECIPAZIONE E TRASPARENZA

    A quattro anni dal terremoto, il rapporto "Sisma Emilia: ricostruzione trasparente", curato da ActionAid per conto dell'Associazione tra Fondazioni di origine bancaria dell'Emilia - Romagna, traccia il quadro della ricostruzione post-sisma.

    Scarica il comunicato stampa

    Stato di avanzamento - All. 1

    Stato di avanzamento - All. 2

    Stato di avanzamento - All. 3

     

  • L’ARTE DELLA CONTRORIFORMA TRA MANIERISMO E BAROCCO. PRESENTAZIONE

    Venerdì, 03 Giugno 2016

    Si conclude con il Liceo Monti il ciclo di presentazioni delle attività didattiche svolte nella Galleria dei dipinti antichi della Fondazione e della Cassa di Risparmio di Cesena promosse dalla Fondazione CRC e realizzate ad hoc con le singole istituzioni scolastiche.
    Dopo "Raccontando la Pinacoteca", progetto svolto dalla classe 5AT dell'ITE "G. Agnelli" di Cesenatico, e LABO' 2016 laboratorio didattico realizzato con gli alunni delle scuole primarie del circondario cesenate, venerdì 3 giugno è stato il turno delle classi 4° Bc e 4° Cc del Liceo Classico "V. Monti" di Cesena che nell'affollata sala conferenze della Fondazione hanno esposto l'esito del progetto "L'ARTE DELLA CONTRORIFORMA TRA MANIERISMO E BAROCCO".

     

    liceo monti
    Gli studenti, guidati dalla professoressa Maria Teresa Forlani, hanno analizzato le opere del Cinquecento e del Seicento presenti nella collezione d'arte della Fondazione e della Cassa di Risparmio.
    In particolare l'attenzione è stata posta sul cambiamento sostanziale delle iconografie e dello stile delle opere pittoriche dopo il Concilio di Trento, confrontando i dipinti della collezione cesenate con quanto riportato nel "Discorso intorno alle immagini sacre e profane" del Cardinal Gabriele Paleotti (1582), testo capitale della riforma delle arti.
    "Ci siamo stupiti davanti a soggetti affascinanti" hanno commentato i ragazzi "È stato interessante da una parte considerare come nel XVI secolo il linguaggio dell'arte fosse concreto tanto da animare dibattiti e riflessioni per renderlo comprensibile a tutti, dall'altra provare a ricostruire il profondo significato che rivestiva, in un momento storico cruciale per la Chiesa".
    Il progetto nato dalla collaborazione fra Liceo Monti e Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena, si propone di avvicinare i ragazzi al patrimonio e storico attraverso una mediazione attiva e partecipata finalizzata allo sviluppo della capacità critica degli studenti e all'elaborare di punti di vista personali.

Questo sito utilizza cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dei visitatori. Clicca ok per continuare a fruire dei contenuti ai sensi del dlgs 69/2012 e 70/2012. Per saperne di più leggi la pagina dedicata alla Normativa sulla Privacy.