Santi Cristoforo e Stefano

tempera su tavola, cm. 72 x 70,5

Il pannello costituiva molto probabilmente l'elemento sinistro del registro superiore di un polittico piuttosto complesso. San Cristoforo è riconoscibile per il Bambino sulle spalle e per il bastone di appoggio nel servizio di traghettatore; santo Stefano per la dalmatica di diacono, per i sassi sul capo e per le gocce di sangue che scendono dalla tempia ad indicare il martirio per lapidazione. È opera tipica della tarda maturità dell'artista forlivese, al tempo dell'adesione alla pittura di Niccolò Rondinelli, accostabile alla pala della Pinacoteca comunale di Forlì del 1512.

Questo sito utilizza cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dei visitatori. Clicca ok per continuare a fruire dei contenuti ai sensi del dlgs 69/2012 e 70/2012. Per saperne di più leggi la pagina dedicata alla Normativa sulla Privacy.