Madonna con Bambino benedicente in trono e i Santi Giovanni Battista e Nicola da Tolentino

tempera su tavola, cm. 168,5 x 171,5

L'impeccabile rigore nella definizione prospettica dello spazio è verificabile in questa pala, anticamente provvista di una lunetta con il Padre Eterno benedicente tra teste di cherubini. Per la nitida osservazione del reale e l'evidenza geometrica dei volumi il dipinto ricorda le pale vicentine della fine del Quattrocento, specialmente quelle di Bartolomeo Montagna. Nella seconda metà dell'Ottocento era conservata nella collezione dei conti Ferniani di Faenza, dove fu studiata e disegnata da Giovanni Battista Cavalcaselle.

Questo sito utilizza cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dei visitatori. Clicca ok per continuare a fruire dei contenuti ai sensi del dlgs 69/2012 e 70/2012. Per saperne di più leggi la pagina dedicata alla Normativa sulla Privacy.