Santi di Tito

Sansepolcro, 1536 - Firenze, 1603

Passato nelle botteghe dei principali esponenti della cultura manieristica fiorentina e romana (Bronzino, Bandinelli, Taddeo Zuccari) Santi di Tito è in realtà tra i primi oppositori dello stile raffinato ed astratto che informa le imprese vasariane presso la corte medicea a Firenze. La sua pittura si unisce infatti a quella di Passignano e dell'Empoli nel rinnovare l'ambiente figurativo toscano in chiave di moderno naturalismo religioso, espressione di una nuova devozione.

Questo sito utilizza cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dei visitatori. Clicca ok per continuare a fruire dei contenuti ai sensi del dlgs 69/2012 e 70/2012. Per saperne di più leggi la pagina dedicata alla Normativa sulla Privacy.