Régnier Nicolas

Maubege, 1590? - Venezia, 1667

Nicolas Régnier è documentato a Roma nel 1620. Profondamente segnato dalle novità caravaggesche, il pittore fiammingo si apre tuttavia a rapporti con altri centri artistici ed entra in contatto con una committenza sempre più vasta, specie dopo il trasferimento a Venezia. Le città emiliane sono tra le sue frequentazioni preferite, grazie anche alla presenza a Bologna, Modena e Parma del fratellastro Michele Desubleo, il noto allievo di Guido Reni che con le sue opere e i suoi soggiorni assicura uno scambio intenso tra i diversi centri emiliani e veneti. Lo stesso Régnier nel 1616 è a Parma preso i Farnese; ed anche in seguito, affermatosi come pittore di grido negli ambienti della Serenissima, intrattiene relazioni con il duca di Modena per il quale esegue ritratti e dipinti, venendo inoltre incontro, con un'intensa attività di mercante d'arte, alle richieste di opere dei più importanti pittori veneti del secolo precedente.

Questo sito utilizza cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dei visitatori. Clicca ok per continuare a fruire dei contenuti ai sensi del dlgs 69/2012 e 70/2012. Per saperne di più leggi la pagina dedicata alla Normativa sulla Privacy.