Fontana Lavinia

Bologna, 1552 - Roma, 1614

Figlia di Prospero Fontana, Lavinia si formò nella bottega del padre frequentata da committenti illustri e dai principali esponenti del ceto ecclesiastico e dell'ambiente dello Studio universitario bolognese. Ammorbidendo il chiaroscuro del padre ed accentuando nel contempo gli effetti illusivi dell'ornamentazione fitta e analiticamente descritta secondo un gusto fiammingo, Lavinia dichiara le proprie preferenze per un'indagine naturale. La coltivata propensione all'osservazione ravvicinata spiega l'attenzione ai dati di costume e al ritratto, campo nel quale la pittrice raccolse vasti riconoscimenti. Si trasferisce a Roma nel 1604, dove conquista la protezione di influenti cardinali come Alessandro d'Este e Girolamo Bernieri che le commissiona la pala per la cappella di San Giacinto in Santa Sabina, decorata dagli affreschi di Federico Zuccari.

Questo sito utilizza cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dei visitatori. Clicca ok per continuare a fruire dei contenuti ai sensi del dlgs 69/2012 e 70/2012. Per saperne di più leggi la pagina dedicata alla Normativa sulla Privacy.