Dal Sole Giovan Gioseffo

Bologna, 1654-1719

G.G. Dal Sole si formò nella bottega di Lorenzo Pasinelli accanto ad Antonio Burrini e frequentò l'ambiente di palazzo Fava dove, in quegli anni, altri giovani artisti si applicavano nello studio degli affreschi dei Carracci sui ponteggi mobili appositamente eretti nel salone. Ricercato dalla grande committenza ecclesiastica, fu particolarmente apprezzato dai collezionisti per le tendenze neoreniane della sua produzione che bene illustra il passaggio della pittura bolognese alle eleganze del Settecento. Esempi significativi nel campo decorativo sono gli affreschi in Palazzo Mansi a Lucca e quelli nella chiesa di Santa Maria dei Poveri a Bologna.

Questo sito utilizza cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dei visitatori. Clicca ok per continuare a fruire dei contenuti ai sensi del dlgs 69/2012 e 70/2012. Per saperne di più leggi la pagina dedicata alla Normativa sulla Privacy.