UN CAPOLAVORO AL MESE. INVITO ALLA VISITA

Sirani Giovanni Andrea 1610/ 1670
Angelica si sottrae a Ruggero
sec. XVII, 1650
olio su tela, cm 114,50 x 158


Come si legge nell' Orlando furioso di Ludovico Ariosto, Angelica, legata allo scoglio ed esposta agli assalti del mostro marino, viene liberata da Ruggero che la raggiunge sull'ippogrifo, giusto in tempo per abbagliare l'orco con lo scudo e proteggerla con l'anello magico. La conduce quindi in un prato appartato, in mezzo al bosco, vicino alla fonte, che, in questo dipinto di Giovanni Andrea Sirani, vediamo zampillare sul fondo tra i due protagonisti. Ruggero, innamorato, subito si spoglia dell'armatura per unirsi alla giovane. Ma Angelica ricorre ai poteri magici dell'anello. Lo avvicina alle labbra e si rende invisibile agli occhi dello sconcertato amante.
Apparso sul mercato antiquario in diverse occasioni a partire dal 1924, provvisto di svariate attribuzioni, e acquisito nel 1987, è da identificare con il dipinto eseguito da Giovanni Andrea Sirani, allievo tra i più affezionati di Guido Reni, per il banchiere bolognese Andrea Cattalani, intimo di casa Sirani. Nella collezione di questi, composta da 115 dipinti e 29 disegni (numerosi dei quali eseguiti appunto da Giovanni Andrea e dalla figlia Elisabetta Sirani), figura infatti "un sopra uscio cioè Angelica e Rugiero con cornice di legno intagliata non dorata alto piedi duoi, e mezo piedi quattro e mezo largo in circa di mano del S.r Gio: And.a Sirani", come si apprende dall'inventario del 1668.
Lo svolgimento orizzontale e l'inquadratura dal basso risultano pertinenti alla funzione di sovrapporta, così come la bellezza delle figure e l'innocente politezza con la quale viene presentato il desiderio amoroso convengono, insieme alla tavolozza luminosa e all'andamento curvilineo del disegno, alle scelte poetiche di Giovanni Andrea Sirani, affezionato allievo di Guido Reni, negli anni della sua fase estrema. Appare verosimile una datazione attorno alla metà del Seicento.

Questo sito utilizza cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dei visitatori. Clicca ok per continuare a fruire dei contenuti ai sensi del dlgs 69/2012 e 70/2012. Per saperne di più leggi la pagina dedicata alla Normativa sulla Privacy.