UN CAPOLAVORO AL MESE. INVITO ALLA VISITA

Lorenzo Pasinelli 1629/ 1700
Diana al bagno con le ninfe
sec. XVII, 1685 - 1695
olio su tela, cm 108 x 134

L'episodio raffigurato è quello di Diana al bagno con le ninfe. La dea della caccia, riconoscibile sul fondo per la mezza luna crescente applicata al turbante, è servita da alcune ninfe che provvedono ad asciugarla e ad acconciarle capelli e copricapo e a portarle le vesti.
La soluzione compositiva appare subito piuttosto singolare. La protagonista è infatti spinta sul fondo, in penombra, quasi seminascosta e risulta a tal punto rimpicciolita da occupare solo parte dello spazio lasciato libero dalle ninfe in primo piano.
Sorprende anche l'apparente casualità del punto di vista, che trova spiegazione nell'intenzione dell'artista di conferire all'osservatore il ruolo di Atteone che nascostamente guarda la scena, in una sorta di gioco erotico nel quale è implicito l'avvertimento morale della punizione.
La singolarità della composizione è accentuata dalla mescolanza di spunti tratti dal vero, studi di accademia e riproposizione di soluzioni e schemi codificati, riconoscibile nella varietà degli atteggiamenti delle modelle .
L'episodio mitologico costituisce una sorta di pretesto, che offre la possibilità all'artista di realizzare una composizione carica di quell'erotismo e di quella sensualità espresse dai freschi e delicati nudi femminili.
La stessa Diana, infatti, non appare qui come la dea crudele che aveva tramutato in cervo il giovane cacciatore Atteone, sorpreso mentre la spiava intenta a fare il bagno, facendolo assalire e sbranare dai suoi stessi cani.
L'opera di destinazione privata è riferibile alla maturità di Lorenzo Pasinelli, attorno agli anni ottanta del Seicento.
L'artista, allievo di Simone Cantarini, è il garante della tradizione artistica bolognese nel corso dell'intera seconda metà del Seicento grazie ad una ininterrotta produzione e all'insegnamento nella fiorente bottega frequentata dagli artisti che segnano le sorti della pittura a Bologna nella prima metà del Settecento..

Questo sito utilizza cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dei visitatori. Clicca ok per continuare a fruire dei contenuti ai sensi del dlgs 69/2012 e 70/2012. Per saperne di più leggi la pagina dedicata alla Normativa sulla Privacy.