UN CAPOLAVORO AL MESE. INVITO ALLA VISITA

Longhi Luca 1507/ 1580
Madonna con Bambino e angeli tra San Sebastiano e San Rocco
sec. XVI 1560 - 1569
olio su tavola, cm 200,50 x 171,50

Il soggetto dell'opera è presentato in modo estremamente semplice. La Madonna ed il Bambino al centro, incoronata da due angeli, è affiancata dai due protettori della peste inginocchiati ai suoi fianchi.
A sinistra san Sebastiano colpito dalle frecce.
A destra, con le insegne del pellegrino (il bordone, la conchiglia, la mantellina e il borsello legato alla cintura) è san Rocco nell'atto di mostrare la ferita alla gamba. A questi si rivolge il bambino proteso in un gesto affettuoso.
La compostezza un po' rigida delle figure, la rigorosa simmetria, la linda semplicità della scena silenziosa e raccolta producono l'effetto di un incontro fiducioso e commosso nel quale prevalgono teneri sentimenti.
Sul basso gradino del trono, sotto il piede sinistro della Madonna, corre la scritta "LUCA DE LONGHIS / RAVENNAS.
Luca Longhi è il principale pittore ravennate del Cinquecento, la cui bottega, poi ereditata dai figli Francesco e Barbara, fornì innumerevoli prodotti al territorio romagnolo nell'arco di un secolo. Stimato da Giorgio Vasari, attivo a Ravenna nel 1548, è autore di una serie di dipinti di soggetto religioso, sia di destinazione privata che pubblica, in cui la delicata bellezza si coniuga ad espressioni di affettuosa dolcezza. Il modello classicistico di riferimento è probabilmente Francesco Francia, oltre a Nicolò Rondinelli attivo a Ravenna e al forlivese Palmezzano a motivo della tersa luminosità delle sue opere. La grande tavola è entrata a far parte della raccolta nel 1990 e proviene dalla collezione Ferniani di Faenza dove è ricordata nel 1882.

Questo sito utilizza cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dei visitatori. Clicca ok per continuare a fruire dei contenuti ai sensi del dlgs 69/2012 e 70/2012. Per saperne di più leggi la pagina dedicata alla Normativa sulla Privacy.