Nagli Giovan Francesco, detto il Centino

documentato a Rimini dal 1629 al 1675

Il moderno recupero dell'artista è stato opera di Francesco Arcangeli, che gli ha dedicato ricerche ispirate nel corso degli anni Cinquanta del secolo scorso, culminate nella mostra sui Maestri del Seicento emiliano realizzata a Bologna nel 1959, nella quale Centino era rappresentato da due dipinti, il Sant'Agostino del Museo della città di Rimini e la pala con l'Elemosina di san Martino della collegiata di Verucchio esempi dell' intensità religiosa e della poetica composta e meditativa che l'artista ha saputo esprimere in tutta la sua produzione.

Questo sito utilizza cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dei visitatori. Clicca ok per continuare a fruire dei contenuti ai sensi del dlgs 69/2012 e 70/2012. Per saperne di più leggi la pagina dedicata alla Normativa sulla Privacy.