Maestro di San Miniato

attivo in Toscana nella seconda metà del XV secolo

Non è noto il nome di questo artista che, a giudicare dal numero delle opere conservate, fu tra le personalità più feconde del secondo Quattrocento in area toscana. La denominazione convenzionale prende origine dalla sua opera più significativa, la pala nella chiesa di San Domenico a San Miniato al Monte (Pisa), dalla quale è possibile ricavare indizi circa il contesto di formazione e le molteplici esperienze. L'artista fu sensibile tanto ai lontani esempi dell'Angelico e alle più recenti interpretazioni di Benozzo Gozzoli quanto, con il passare del tempo, alla grazia decorativa di Botticelli ed infine alle formule convenzionali di Domenico Ghirlandaio.

Questo sito utilizza cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dei visitatori. Clicca ok per continuare a fruire dei contenuti ai sensi del dlgs 69/2012 e 70/2012. Per saperne di più leggi la pagina dedicata alla Normativa sulla Privacy.